nuovojobwhitelogotrasp

© 2021 nuovojob.com @ All rights resevered.     cookies-policy   privycy policy

info@nuovojob.com

Se non lotti per quello che desideri ti meriti quelli che hai

 

John Maxell

Se non lotti per quello che desideri, ti meriti quelli che hai.

John Maxell

  • Voglio un lavoro che mi dia delle soddisfazioni
  • Voglio un lavoro dove vengo gratificato quando lo merito
  • Voglio un lavoro con un salario che permette a me ed alla mia famiglia di vivere bene
  • Voglio un salario al merito con adeguamenti frequenti
  • Voglio il salario che mi merito
  • Voglio lavorare quando e come voglio perché sono responsabile
  • Voglio lavorare ed essere libero di gestire le mie attività 


VOGLIO LAVORARE... VOGLIO LAVORARE... MA VALE LA PENA ?
 


Se non lotti per quello che desideri ti meriti quello che hai. Puoi avere molto di più dalla tua vita ma lo devi volere ed essere disposto a lottare per ottenere questi vantaggi e privilegi. Libertà ed indipendenza,  poter lavorare quando vuoi con una libera gestione del tempo, guadagnare quello che meriti, ogni giorno e per sempre e generando profitti indipendentemente dalla tua presenza e dalle tue azioni dirette, poter lavorare con chi vuoi senza un capo e senza dipendenti, poter scegliere tu con chi lavorare, poter lavorare da casa tua, in ufficio o da dove preferisci, dove vuoi . Questo è possibile ed esiste un sistema di lavoro che permette di crearti una attività tutta tua che ti dia libertà ed indipendenza economica e finanziaria ma anche sicurezza per il futuro.  

 


HAI TROVATO UN LAVORO COME TU LO VUOI ?
 Complimenti!  Fai parte del 7% delle persone che hanno un lavoro che li soddisfa e gratifica pienamente!

Ma...
il 93% delle persone che lavorano non ha un lavoro che li soddisfa pienamente, sono dei dipendenti o impiegati, hanno un lavoro fisso con la paga fissa che non basta per pagare tutte le bollette.

Poi ci sono i disoccupati... 

il 4% della popolazione in Svizzera... 200'000 persone

11,3% in Italia...  4 milioni di persone

vedi tabellina valori in Eurozona in calce (*)


Ci sono le persone in assistenza...  sempre di più... ogni mese di più

6% in Ticino in costante crescita

persone che non hanno più diritto alla disoccupazione!


Poi ci sono le persone che non hanno una attività (non rientrano nei disoccupati)

Povertà crescente  

  • 17% in Ticino....
  • 7% in Svizzera = 570'000 persone... si!  570'000 persone in Svizzera sono povere...!
  • in Italia...?  4,7 milioni di persone... in povertà assoluta  (**) vedi articolo in calce
  • altri paesi in Europa?  nel mondo?....


Working Poor, ossia persone che hanno un lavoro ma che non guadagnano abbastanza per una vita dignitosa (hanno un guadagno al di sotto del minimo vitale)



ALLORA...  PERCHE NON CERCHI QUALCOSA DI DIVERSO....?

ESISTE UN MODO DIVERSO PER LAVORARE E PER GUADAGNARE

TI SEI MAI CHIESTO... "PERCHÈ LAVORO?"

  • Lavori per la gloria?
  • Lavoro per passione? Per vocazione?
  • Lavori per pagare tutte le bollette a fine mese?


Chiediti... ma perché io lavoro?  Perché devo lavorare?  Perché faccio quello che faccio?
e la mia vita come è?

Lavoro 8 ore al giorno... la mia vita dovrebbe essere bella... dedico 1/3 un terzo della mia vita al lavoro ... dovrei avere una bella vita!

Investo un terzo della mia vita al lavoro e questo è il risultato...!!??

 


SIGNIFICA CHE QUELLO CHE FAI NON È BUONO!
ALLORA PERCHÈ NON CAMBIARE?
CAMBIARE SI PUÒ...!


 

ESISTE UN MODO DIVERSO PER LAVORARE E PER GUADAGNARE

  • UN LAVORO CHE DIA SODDISFAZIONI

  • DOVE HAI DELLE GRATIFICAZIONI

  • DOVE GUADAGNI CIÒ CHE VALI

  • DOVE SEI LIBERO ED INDIPENDENTE


​NUOVOJOB    guarda i dettagli   iscriviti qui per conoscere come!




Ma quanto vale il mio impegno?  cosi' poco?
 

La disoccupazione nella zona euro a maggio è rimasta stabile a 9,3% rispetto ad aprile, e resta quindi il dato più basso da marzo 2009. Stabile anche nella Ue-28, a 7,8%. Lo comunica Eurostat. In Italia è 11,3%, in leggero aumento rispetto ad aprile (11,2%), e resta il terzo dato più alto della zona euro dopo Grecia (22,5%) e Spagna (17,7%). La disoccupazione più bassa si registra invece in Germania (3,9%) e a Malta (4,1%).
  

Con un tasso di oltre il 17%, il Ticino nel 2015 era il cantone con più povertà della Svizzera, dove la media complessiva è del 7%, pari a 570'000 persone. Questo, in sintesi, è quanto emerge dai dati resi noti lunedì dall'Ufficio federale di statistica, stando ai quali sempre più giovani faticano ad arrivare alla fine del mese e il denaro, sempre più in forma elettronica, non aiuta a gestire i risparmi. Rispetto a un anno prima, viene evidenziato nel documento, i dati sono rimasti praticamente immutati.

Tra i gruppi più esposti vi sono quelli in cui nessun membro della famiglia ha un impiego (18,2%), i nuclei formati da una persona sola (12,5%)  e le economie domestiche monoparentali con figli minorenni (12,5%). A forte rischio di povertà anche gli stranieri di origine extraeuropea (11,7%) e gli anziani di oltre 65 anni (13,9%).


ECONOMIA
Istat: in Italia 4,7 milioni vivono in povertà assoluta. Giovani e famiglie con figli minori soffrono di più
Il dato 2016 in linea con quello dell'anno precedente, aumenta la povertà al Centro
Sono 4,7 milioni i residenti in Italia che vivono in condizioni di povertà assoluta. È quanto emerge da un'indagine Istat riferita all'anno 2016. Un trend che è in linea con quello dello scorso anno e che interessa in misura maggiore gli under 34 e le famiglie con tre o più figli minori. Un dato che sale a 8,4 milioni di persone se si considerano anche i soggetti che vivono in condizioni di povertà relativa.

 13/07/2017 11:54 CEST

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder